Collaborative Research Laboratories

Collaborative Research Laboratories (CoReLabs)
L’EBRI ha stipulato con diverse Istituzioni accordi specifici per sviluppare ricerche in stretta collaborazione e sinergia (Scuola Normale Superiore di Pisa) e laboratori congiunti (Dipartimento di Neuroscienze Umane, Sapienza Università di Roma, Ospedale Pediatrico Bambin  Gesù di Roma e CNR, Istituto Nanotec di Lecce) che, avvalendosi di personale, competenze e strumentazione in comune, favoriscano una ricerca condivisa in settori strategici per le Neuroscienze, inclusi quelli clinici.

Scuola Normale Superiore

EBRI ha una collaborazione strategica con la Scuola Normale Superiore, ed in particolare con il Laboratorio Bio@SNS, diretto da Antonino Cattaneo sui seguenti progetti:
i) Painless NGF: verso le applicazioni cliniche nell’uomo nella malattia di Alzheimer (con Simona Capsoni; Francesca Malerba e Silvia Marinelli.
ii) Verso una nuova generazione di farmaci analgesici: meccanismi epigenetici nella analgesia a lungo termine indotta da anticorpi anti TrkA ed anti NGF in modelli di dolore cronico (con Mara D’Onofrio e Ivan Arisi).
iii) proNGF: un nuovo biomarcatore di neurodegenerazione nel fluido cerebrospinale (con Francesca Malerba)
iv) Anticorpo scFv A13 contro gli oligomeri Aβ della malattia di Alzheimer. Umanizzazione dell’anticorpo ricombinante A13 e suo uso verso una terapia genica per l’Alzheimer con Raffaella Scardigli e Giovanni Meli.
v) Librerie di anticorpi ricombinanti e selezione di intrabodies diretti contro proteine modificate post traduzionalmente (in collaborazione tra intrabody group a Bio@SNS (Simonetta Lisi) e Francesca Malerba).

Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

Nell’ambito di un accordo tra Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (OPBG) – Fondazione EBRI, e grazie alla donazione della Fondazione Sacchetti, abbiamo aperto presso la sede OPBG di S. Paolo (Roma) un laboratorio congiunto EBRI-OPBG, per registrazioni elettrofisiologiche da singole cellule o popolazioni neuronali in fettine organotipiche di tessuto cerebrale umano. Si tratta di una tecnica innovativa che permette di mantenere in vita per diverse settimane fettine di tessuto cerebrale prelevato nel corso di interventi neurochirurgici, effettuati a scopo terapeutico in pazienti pediatrici affetti da epilessie focali farmaco-resistenti. Le ricerche hanno l’obiettivo di comprendere i meccanismi di queste forme di epilessia e di scoprire nuovi bersagli terapeutici.
Questo laboratorio congiunto fa parte di una più ampia collaborazione tra OPBG ed EBRI, finalizzata alla ricerca neuropsichiatrica sui disordini del neuro-sviluppo, incluse le malattie genetiche rare e l’autismo.

Sapienza Università di Roma (Dipartimento di Neuroscienze Umane)

EBRI ed il Dipartimento di Neuroscienze Umane della Sapienza Università di Roma (diretto dal Professore Alfredo Berardelli) hanno costituito un Laboratorio congiunto di Ricerca e Diagnostica avanzate nell’ambito delle malattie neurodegenerative. Ai ricercatori EBRI è affidata l’analisi di biomarcatori validati, nonché l’identificazione di nuovi biomarcatori quali potenziali targets diagnostici e terapeutici. Queste attività sperimentali si integrano con la ricerca clinica del dipartimento di Neuroscienze, al fine di garantire una diagnostica differenziale più accurata e precoce in prospettiva di una Medicina di precisione.

Tecnomed Puglia

La Fondazione EBRI è partner del Centro per le Malattie Neurodegenerative (Università di Bari/Ospedale Cardinale Panico Tricase) e del CNR Istituto Nanotec di Lecce nel progetto quinquennale TECNOMED. Nell’ambito del progetto Tecnomed è prevista la creazione di un laboratorio congiunto EBRI-CNR presso il Campus Ecotekne di Lecce, dove verranno messi a punto nuovi metodi per la misura di biomarcatori diagnostici e prognostici nel campo delle malattie neurodegenerative, utilizzando piattaforme anticorpali (EBRI) e nanotecnologie (CNR Nanotec).